Budapest in due giorni

Sono stata nella capitale ungherese tre anni fa, prima di arrivare a Bratislava e a Praga, che di gran lunga mi hanno colpito di più, lasciando un segno nel mio cuoricino.

Di Budapest, invece, ho solo ricordi sfocati, di una città che va comunque vista e che è espressione dell’Europa dell’Est, con le sue architetture, i suoi sapori e il suo stile di vita.

Ma secondo il mio punto di vista, sul quale molti si troveranno in disaccordo, potrei dire che si può visitare Budapest in due giorni, giusto il tempo per assaporare la sua essenza, e poi proseguire.

Ma cosa fare a Budapest in due giorni?

Semplice! La città, come spesso accade “da quelle parti”, è divisa in due macro-aeree, attraversate dal fiume Danubio: Buda e Pest.

La prima giornata potreste dedicarla alla visita di Buda, ovvero la città vecchia, quella alta e animata dal quartiere del Castello.

Castello di Budapest

Ph by Aramis

Ci si arriva facilmente con una sorta di funicolare che si trova di fronte al Ponte Szechenyi e che, a dispetto dei prezzi che solitamente caratterizzano Budapest, proprio economica non è. In ogni caso, è indispensabile, e in pochi minuti (davvero pochi, tipo uno o due!) si è su.

Funicolare a Budapest

Ph by Aramis

Lo spettacolo che poi ci si trova davanti, è immenso e davvero particolare: dalla chiesa di San Mattia, al Bastione dei Pescatori, ci sarebbe da passeggiare per ore, gustandosi tutti gli intarsi e i particolari di ogni struttura.

Chiesa di San Mattia Budapest

Ph by Aramis

Bastione dei Pescatori Budapest

Ph by Aramis

Trovandosi in alto, poi, è facile ammirare il panorama dell’intera città…

Budapest in due giorni

Ph by Aramis

Al termine, si può scendere a Pest e attraversare la caratteristica via Vaçi, con una sosta magari al famosissimo caffè Gerebeaud.

Caffé Gerebeaud

Ph by Aramis

Il secondo giorno, noi lo abbiamo dedicato alla visita del quartiere ebraico, entrando anche nella suggestiva Sinagoga, simbolo di cultura e di religione.

Quartiere ebraico Budapest

Ph by Aramis

Sinagoga Budapest

Ph by Aramis

Quartiere ebraico Budapest 2

Ph by Aramis

Poi, un salto veloce alla Basilica di Santo Stefano

Basilica di Santo Stefano Budapest

Ph by Aramis

…e un altro alle famose Terme Szechenyi, nella quali, però, onestamente non siamo entrati…non mi ispiravano un granché! 😛

Terme Szechenyi Budapest

Ph by Aramis

Ci siamo però soffermati in un parco proprio accanto e ci siamo goduti un bel po’ di verde! ^_^

Budapest in due giorni 2

Ph by Aramis

Gli altri simboli della città, che potete sicuramente inserire nel vostro itinerario di Budapest in due giorni, sono naturalmente il Ponte delle Catene, il Parlamento (che quando siamo andati noi, però, era chiuso per lavori) e la Piazza degli Eroi, che ci è piaciuta tanto.

Ponte delle catene Budapest

Ph by Aramis

Parlamento Budapest

Ph by Aramis

Piazza degli Eroi Budapest

Ph by Aramis

Non vi posso nascondere che io provo una certa attrazione per tutte le città che si sviluppano lungo i fiumi e me ne innamoro sempre un po’, ma da Budapest mi aspettavo qualcosina in più.

Forse mi hanno deluso i palazzi tenuti male o le strade che sembravano abbandonate; la mancanza di negozietti curati e caratteristici o i parecchi lavori in giro, che mi hanno dato l’impressione di una città che si trova in un momento di passaggio, di ricerca affannosa della sua identità, ma che tenta comunque di far breccia nel cuore delle persone.

Non credo ci ritornerò, ma se avete pensieri positivi, avrò piacere di leggerli!

Bacio! ♥

La valigia di Cassandra

About La valigia di Cassandra

Scrivo e custodisco diari segreti da quando frequentavo le scuole elementari. Confidarmi, raccontare, ripercorrere i momenti più significativi della mia vita attraverso le parole, è donare le ali alla mia anima. La valigia di Cassandra è la mia naturale evoluzione 2.0, anche se ancora oggi annoto i miei pensieri su un foglio di carta...

14 commenti

  1. Indubbiamente paragonata a Praga Budapest non lascia propriamente il segno, però forse è proprio per via del fatto che l’hai vista nello stesso viaggio che non ti ha emozionata più di tanto.
    Ma come, non sei entrata nelle termeee?! Vabbè quando andrò a Budapest ci entrerò io per te! 😛
    Belle le foto!
    Buon WE! :*

    • Sì, sarà stato sicuramente quello. Il mio viaggio è stato un’escalation, da Budapest a Praga, passando per Bratislava, e infatti le città mi sono piaciute proprio in quest’ordine.
      Per le Terme, ok, mi fido di te…ma ricordati di stare in ammollo il doppio! 😉
      Buon we anche a te! Bacini :***

  2. Budapest mi incuriosisce un sacco, pensavo che però fosse tenuta bene e non “abbandonata”! E’ una di quelle città che però sì, mi incuriosisce, ma non scalpito per andarci. Quando mi capiterà un’offerta interessante per andare ti farò sapere come mi è sembrata 🙂

  3. Ci andrò tra 15 giorni, ammetto che Budapest è un sogno che aspetto da parecchio…ovviamente spero non mi deluderà, ma leggere queste tue parole mi è servito per “partire preparata”, nel senso di vederla così com’è, senza rischiare di sopravvalutarla perchè ho già un’idea in testa ma nemmeno rimanere delusa perchè si rivela sotto le mie aspettative. Perciò grazie di cuore!!

    • Io penso che ti piacerà tantissimo…resterai affascinata dalla sua vita sotto al castello, che scorre lungo il fiume.
      Ogni viaggio è soggettivo, e già solo per aver realizzato un tuo sogno, sarà meraviglioso!
      Buon viaggio…e fammi sapere! 😉

  4. Io non ho mai visto né Praga né Budapest ma ultimamente sto sentendo sempre di più il richiamo dell’est, anche perché non vedo l’ora di assaggiare i trdlo o la versione di Budapest dal nome impronunciabile 😉
    Buon sabato!

    • Stessi argomenti di conversazione io e te, eh? I trdlo sono un’esperienza divina e per un attimo ho temuto di non poterli assaggiare, perché mi erano terminate le corone….fortunatamente il signore con il carretto accettava anche gli euro!!!!!!!!
      Organizzati prestissimo! :*

  5. Secondo me il problema va ricercato nella mentalità degli ungheresi. A Praga hanno costruito una vera e propria città su misura per i turisti, dove è impossibile resistere ad alcune attrazioni e sentirsi coccolati dall’altra. Qua a Budapest quest’idea del turismo come fonte di guadagno (entrate pulite, senza truffe varie :D) non è ancora sviluppatissima, per lo meno non ovunque. La città sta cambiando parecchio negli ultimi anni, almeno negli ultimi (quasi) tre da quando sono qua, ma ci vorrà ancora del tempo 🙂

    • Non conosco per niente la popolazione ungherese, ci sono stata troppo poco tempo per poter entrare nella loro mentalita’…ma effettivamente ci puo’ stare. Impegnarsi per rendere al massimo, dipende solo dagli uomini!
      Un bacio!

  6. Ho amato tantissimo Budapest e con queste belle foto mi è tornato alla mente tutto,dal primo all’ultimo istante passato in città! Io sono stata tre giorni e devo dire che sono volati, troppo pochi forse per conoscere davvero la città ma abbastanza per innamorarsene!
    Grandi, come sempre un connubio perfetto fra informazioni ed emozioni!

    • Ma grazieee!!! 😘 In realta’ non mi e’ difficile immaginare perche’ ti sia piaciuta tanto…nel mio caso, forse ho sbagliato a inserirla in un viaggio cosi’ lungo, ma se ci penso…un po’ di nostalgia viene anche a me!
      Mille baci ⭐⭐⭐

  7. Pingback:Tour Europa dell'Est: le mie tappe – La valigia di Cassandra

  8. Pingback:Due ruote per Bratislava – La valigia di Cassandra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *