Canyon del Sumidero: wildlife in Messico

Quando mi è capitata quella disavventura lungo le strade del Chiapas, avevo una meta di giornata: il Canyon del Sumidero.

E più l’orario di arrivo si spostava in avanti, più vedevo allontanarsi anche la meta stessa.

Quando sono partita da Villahermosa, non sapevo affatto cosa aspettarmi: la mia giornata prevedeva come al solito sveglia al mattino presto, circa trecento chilometri in macchina, arrivo a Chiapa de Corzo ed escursione al Canyon del Sumidero, da tutti descritto come una vera meraviglia messicana.

Ma in realtà, io non conoscevo bene questo luogo e non avevo idea del tempo che ci volesse. Di solito, infatti, pianifico sempre al meglio la mia giornata, ma lascio sempre un elemento sorpresa, per godermi anche la scoperta e lo stupore…

…diciamo che però, quando ho iniziato a capire che prima del pomeriggio non avrei messo piede a Chiapa de Corzo, ho realizzato anche che forse il mio programma sarebbe saltato per mancanza di tempo.

E infatti, nella sfortuna di trascorrere quasi nove in macchina, posso ritenermi fortunata di aver dovuto rimandare la visita del Canyon del Sumidero al giorno successivo, perché meritava davvero una giornata piena! 🙂

Un’autostrada ben fatta (e dritta!) collegava San Cristobal de las Casas alla nostra meta e in meno di un’ora siamo arrivati a Tuxla Gutierrez, la capitale del Chiapas.

Qui, un errore di valutazione, ci ha fatto vivere un’esperienza davvero bella e caratteristica: sul navigatore, infatti, abbiamo indicato come destinazione Canyon del Sumidero e lui ci ha portato al Parco Nazionale del Canyon del Sumidero, non all’imbarco delle lance.

Canyon del Sumidero Parco

Ph by Aramis

Ma così facendo, abbiamo potuto compiere un self-drive all’interno del parco – della durata di due ore circa – per poter ammirare il canyon dall’alto, raggiungendo, attraverso sentieri davvero caratteristici e immersi nella natura, i vari miradores, ovvero i punti di osservazione.

Canyon del Sumidero 2

Ph by Aramis

In alcuni punti è stato stancante, perché i miradores si trovavano magari al termine di una ripida scalinata o di una lunga strada, ma ogni volta il panorama era impagabile!

Canyon del Sumidero 3

Ph by Aramis

Quando abbiamo terminato il percorso, ci siamo diretti verso Chiapa de Corzo, beccando per strada proprio l’indicazione del punto di imbarco (che non è ovviamente in città!).

Abbiamo dovuto attendere che si formasse il gruppo per poter salire sulla lancia, ma abbiamo aspettato meno di un’ora; dopodiché, con poco più di € 15.00 a testa, siamo partiti per un’escursione della durata di ben due ore!

Canyon del Sumidero 4

La lancia sfrecciava come un razzo e con il vento fra i capelli (ehm…non quelli di Aramis!) ci siamo immersi completamente in quest’atmosfera selvaggia, custodita da rocce che arrivavano fino a 1000 metri di altezza (il Castillo).

Abbiamo incontrato diverse razze di uccelli, coccodrilli e scimmie; formazioni rocciose molto particolari e alcuni fenomeni naturali davvero suggestivi.

Canyon del Sumidero 5

Ph by Aramis

Canyon del Sumidero 6

Ph by Aramis

Canyon del Sumidero 7

Ph by Aramis

Canyon del Sumidero 8

Ph by Aramis

Anche ammirare i giochi di luce è stato uno spettacolo indimenticabile e le due ore a bordo sono volate.

Canyon del Sumidero 9

Ph by Aramis

Al termine della nostra escursione, pienamente soddisfatti, abbiamo raggiunto il centro di Chiapa de Corzo, dove però abbiamo fatto soltanto un breve giro, anche se la città è caratteristica e vale la pena visitarla.

Chiapa de Corzo

Ph by Aramis

Ma dovevamo scappare noi: un’altra avventura a San Cristobal de la Casas ci aspettava! 😉

Alla prossima! ^_^

Canyon del Sumidero 10

La valigia di Cassandra

About La valigia di Cassandra

Scrivo e custodisco diari segreti da quando frequentavo le scuole elementari. Confidarmi, raccontare, ripercorrere i momenti più significativi della mia vita attraverso le parole, è donare le ali alla mia anima. La valigia di Cassandra è la mia naturale evoluzione 2.0, anche se ancora oggi annoto i miei pensieri su un foglio di carta...

10 commenti

  1. Che bello quando un errore si trasforma in un fuoriprogramma come questo! Ammirare il canyon dall’alto dev’essere stato magnifico *_* Dimmi…ma il clima? Secco o caldo umido che mette a dura prova la piega? In foto hai sempre i capelli ordinati!
    Ho notato una “cosa da donne” oddio sto invecchiando! 😀 😛 Buon fine settimana! 😉

    • Ahahah…il trucco sta nel pubblicare le migliori! 😛 Comunque il Messico ha il clima migliore che io abbia mai incontrato: 25°/26° fissi, sole mai cocente, brezza delicata e canotta e ciabattine H24…che goduria!!! 😎

  2. Nononnonò io non ci posso pensare…in foto ci sono coccodrilli e avvoltoi e io noto i capelli in ordine. Sto invecchiando sul serio O_O hahaahha
    Baci!

  3. Ma che bello questo canyon, non lo conoscevo! Mi piace questa atmosfera “alla Indiana Jones” lungo il fiume tra coccodrilli e avvoltoi! 🙂

  4. Adrenalina allo stato puro! In queste escursioni si incontrano gli animali più selvaggi, voglio troppo farla anche io!!! Sigh…

  5. Non avevo mai sentito parlare di questo Canyon, nè avrei mai pensato che un luogo del genere si trovasse in Messico! Che bello.. decisamente da aggiungere all’itinerario 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *