Dovevo andare a Berlino, ma…

Tutto è nato quando un giorno, in ufficio, è arrivata una mail di Air Berlin che invitava sui suoi voli tutti gli agenti di viaggio che lo desideravano…destinazione, Berlino o Düsseldorf.

Aramis ha una faccia di quelle che non perdonano, io valuto la possibilità: anche sa da lì a due mesi saremmo partiti per il Circolo Polare Artico, non si poteva rifiutare quell’invito…e se poi si offendevano? 😉

Inizio da Düsseldorf e penso che potrebbe essere un punto di partenza per un tour tra Olanda e Belgio…totale 12/13 giorni e un sacco di soldi da spendere tra hotel e auto.

Scartato!

E allora punto su Berlino, che potrebbe essere davvero piacevole nel periodo natalizio, con i suoi mercatini…mmh, troppo vicino al viaggio in Finlandia!

Scartato anche questo!

Io però ci voglio andare e quindi decidiamo di partire subito!

Prenoto un hotel economico nel centro (mai più!!!) per sette notti…una settimana in Germania può andar bene! Poi ci ripenso e mi convinco che otto giorni a Berlino sono tanti (maledetta me, ce ne volevano ottantotto!) e quindi studio un itinerario alternativo, per capire cosa poter visitare nei dintorni di Berlino: guardo la cartina e cerco il punto di interesse più vicino, da raggiungere naturalmente in auto.

Risultato: Dresda *_*

Cancello l’hotel, lo riprenoto per cinque notti e per le altre due scelgo un hotel nella periferia di Dresda, molto carino e abbordabile, rispetto a quelli del centro.

Ma ancora non basta. Devo trovare qualcosa da vedere nel tragitto da Berlino a Dresda e ritorno.

Studia e ristudia, appena atterriamo a Berlino, noleggiamo un’auto e ci dirigiamo verso Moritzburg, dove visitiamo l’incantevole castello barocco, residenza di caccia del duca Moritz e sicuramente uno dei più bei castelli circondati interamente dalle acque.

Moritzburg_castello

Moritzburg_interni

Per noi che non rinunciamo a inserire un castello nelle nostre tappe, questo ci ha davvero meravigliati.

Già il tragitto per arrivarci, a parte l’autostrada che è un po’ peggio della nostra Salerno-Reggio Calabria, ti avvisa che stai per entrare in un Paese diverso, in un un mondo silenzioso, come quello delle fiabe.

Complice poi la bella giornata, è stato davvero uno spettacolo!

Moritzburg_dintorni

Da qui poi, la meta successiva è Dresda, dove il mio cuore smette di battere per qualche secondo. Credo che nessun altro skyline mi abbia emozionato in quel modo e lo ricordo sempre con una particolare nostalgia.

Dresda_panorama

Naturalmente, abbiamo dedicato a questa città l’intero secondo giorno di permanenza in Germania (e qui potete trovare tutti i dettagli), mentre il terzo siamo ripartiti alla volta di Berlino.

Soste? Pillniz e Meissen, la città della porcellana.

Pillnitz_castello

Meissen_piazza

Altri bellissimi castelli sulla nostra strada (non me ne perdo uno!), anche se accompagnati dalla giornata più piovosa del nostro viaggio.

Pillnitz_panorama

Meissen, poi, è un borghetto medievale che si sviluppa in altezza e mentre sali, ti sembra di avere la città ai tuoi piedi.

Meissen_dall'alto

Non sapevamo come sarebbe finita questa settimana ma, senza volerlo, era iniziata nel migliore dei modi…

Dresda_Elba

La valigia di Cassandra

About La valigia di Cassandra

Scrivo e custodisco diari segreti da quando frequentavo le scuole elementari.
Confidarmi, raccontare, ripercorrere i momenti più significativi della mia vita attraverso le parole, è donare le ali alla mia anima.
La valigia di Cassandra è la mia naturale evoluzione 2.0, anche se ancora oggi annoto i miei pensieri su un foglio di carta…

3 commenti

  1. Pingback:Passeggiare tra le strade di Dresda – La valigia di Cassandra

  2. Pingback:Una Berlino che non dimentica – La valigia di Cassandra

  3. Pingback:Viaggio in auto: sempre, se posso! – La valigia di Cassandra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *