Elefante_Parco_Chobe

Game drive al Parco Chobe

Inizio questo racconto ricordando l’espressione commossa di Aramis, che è l’emblema di tutta la giornata trascorsa in questo parco… <3

Dopo anni di documentari in televisione, è naturale rimanere senza parole dinanzi a un simile spettacolo.

Ninfee_Parco_Chobe
Ph by Aramis

Ma partiamo dall’inizio.

Ci svegliamo all’alba, come ci capita spesso in quei giorni in Africa, e dopo una veloce colazione, la nostra destinazione da Victoria Falls in Zimbabwe è Kazungula, in Botswana, per un game drive all’interno del Parco Chobe.

Fuori ci aspetta un piccolo autobus di una ventina di posti, insieme alla nostra guida.

Il viaggio durerà poco più di un’oretta e già per strada avvistiamo elefanti e baobab… 🙂

Diciamoci la verità, dopo una serie di controlli alquanto ridicoli circa la nostra provenienza (era il periodo di massima diffusione di Ebola) e dopo aver fatto apporre il visto per l’entrata in Botswana, saliamo a bordo di un altro mezzo che ci conduce al punto di ritrovo per l’inizio del nostro game drive.

Eravamo stati da poco all’Addo Elephant Park, ma l’emozione è comunque tantissima perché questo è uno dei parchi più famosi e ci aspettiamo davvero tanto da questa giornata!

Iniziamo subito con un safari fluviale, a bordo di una specie di “zattera”, che si destreggia abilmente tra le acque del fiume e i suoi abitanti.

Ippopotami_Parco_Chobe
Ph by Aramis

Incontriamo di nuovo i coccodrilli, che già avevamo avuto la fortuna di vedere la sera prima sullo Zambesi, ma questi sono proprio di un’altra dimensione!!!

coccodrilli_Parco_Chobe
Ph by Aramis

È magnifico osservare come questi animali vivano tutti insieme, ognuno nel loro angolo, e tu non sei altro che un intruso, un invasore del loro habitat. Non è uno zoo, ma il loro spazio naturale.

E mentre ti perdi nella vastità del paesaggio, cercando di capire se questo parco immenso possa avere una fine, dall’alto ecco un gruppo di elefanti che viene a rinfrescarsi in acqua, mentre i più grandi aiutano i piccini a guadare il fiume.

Elefanti_Parco_Chobe
Ph by Aramis

092 Game drive fluviale sul Chobe River 078

Non c’è dubbio, il cuore si ferma per un secondo e nel silenzio della natura, senti soltanto il tuo respiro e i tuoi battiti che riprendono il ritmo.

Al termine del safari fluviale, c’è tempo per un pranzo, per poi riprendere il giro, questa volta a bordo di un land rover, per visitare l’interno.

Landrover_Parco_Chobe
Ph by Aramis

Naturalmente, si costeggia ancora il fiume, così vediamo ancora centinaia e centinaia di elefanti all’orizzonte, ma è il momento anche di giraffe, bufali, kudu e altre antilopi.

Elefanti_Parco_Chobe_2
Ph by Aramis
Bufali_Parco_Chobe
Ph by Aramis
Giraffe_Parco_Chobe
Ph by Aramis
Antilopi_Parco_Chobe
Ph by Aramis

Insieme agli altri partecipanti, cerchiamo in tutti i modi di avvistare anche dei leoni, ma il caldo è troppo e sicuramente stanno riposando nel bush.

A un certo punto, però, mentre la nostra guida si sta dirigendo verso le giraffe, la voce di Aramis emerge tra le altre e urla: <<Stop! Stop! A leopard! I’m not kidding!>> (Fermi! Fermi! Un leopardo! Non sto scherzando! n.d.r.)

L’autista ingrana la retromarcia e come un pazzo scatenato si avvicina al punto indicato da Aramis…e il leopardo è là, che cammina fra i cespugli e si gode la scena!

Leopardo_Parco_Chobe
Ph by Aramis

È stato l’unico animale carnivoro che abbiamo avvistato e sicuramente non ha fatto rimpiangere l’assenza dei leoni (che poi abbiamo incontrato il giorno dopo).

Dopo poco anche questo safari è terminato, non prima però di essere scesi dal land rover e aver fatto merenda tutti insieme.

Parco_Chobe

Porto questa esperienza dentro, sempre più consapevole che il mio cuore è in Africa, tra quella natura e quegli animali. <3

…a presto!

(se vuoi, guarda un breve video su Facebook 🙂 )

Forse possono interessarti anche questi post!

4 Comments

  1. Avatar

    Viaggio meraviglioso. Al Chobe sono stata una decina di anni fa… ma non sono stata così fortunata per il leopardo!

    1. La valigia di Cassandra

      Se non fosse stato per mio marito, non li avremmo visti neanche noi…ha l’occhio troppo allenato da anni di National Geographic! 😉

  2. […] safari al Parco Chobe, in Botswana, ci ha fatto davvero commuovere. Animali a perdita d’occhio che vivono la loro […]

  3. […] in Zimbabwe sono stati davvero intensi, tra sveglie all’alba, scarpinate nella natura e lunghi tragitti in landrover…il tempo a disposizione era molto poco e bisognava ottimizzarlo al meglio, per poter […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *