Game drive al Parco Chobe

Inizio questo racconto ricordando l’espressione commossa di Aramis, che è l’emblema di tutta la giornata trascorsa in questo parco… <3

Dopo anni di documentari in televisione, è naturale rimanere senza parole dinanzi a un simile spettacolo.

Ninfee_Parco_Chobe

Ph by Aramis

Ma partiamo dall’inizio.

Ci svegliamo all’alba, come ci capita spesso in quei giorni in Africa, e dopo una veloce colazione, la nostra destinazione da Victoria Falls in Zimbabwe è Kazungula, in Botswana, per un game drive all’interno del Parco Chobe.

Fuori ci aspetta un piccolo autobus di una ventina di posti, insieme alla nostra guida.

Il viaggio durerà poco più di un’oretta e già per strada avvistiamo elefanti e baobab… 🙂

Diciamoci la verità, dopo una serie di controlli alquanto ridicoli circa la nostra provenienza (era il periodo di massima diffusione di Ebola) e dopo aver fatto apporre il visto per l’entrata in Botswana, saliamo a bordo di un altro mezzo che ci conduce al punto di ritrovo per l’inizio del nostro game drive.

Eravamo stati da poco all’Addo Elephant Park, ma l’emozione è comunque tantissima perché questo è uno dei parchi più famosi e ci aspettiamo davvero tanto da questa giornata!

Iniziamo subito con un safari fluviale, a bordo di una specie di “zattera”, che si destreggia abilmente tra le acque del fiume e i suoi abitanti.

Ippopotami_Parco_Chobe

Ph by Aramis

Incontriamo di nuovo i coccodrilli, che già avevamo avuto la fortuna di vedere la sera prima sullo Zambesi, ma questi sono proprio di un’altra dimensione!!!

coccodrilli_Parco_Chobe

Ph by Aramis

È magnifico osservare come questi animali vivano tutti insieme, ognuno nel loro angolo, e tu non sei altro che un intruso, un invasore del loro habitat. Non è uno zoo, ma il loro spazio naturale.

E mentre ti perdi nella vastità del paesaggio, cercando di capire se questo parco immenso possa avere una fine, dall’alto ecco un gruppo di elefanti che viene a rinfrescarsi in acqua, mentre i più grandi aiutano i piccini a guadare il fiume.

Elefanti_Parco_Chobe

Ph by Aramis

092 Game drive fluviale sul Chobe River 078

Non c’è dubbio, il cuore si ferma per un secondo e nel silenzio della natura, senti soltanto il tuo respiro e i tuoi battiti che riprendono il ritmo.

Al termine del safari fluviale, c’è tempo per un pranzo, per poi riprendere il giro, questa volta a bordo di un land rover, per visitare l’interno.

Landrover_Parco_Chobe

Ph by Aramis

Naturalmente, si costeggia ancora il fiume, così vediamo ancora centinaia e centinaia di elefanti all’orizzonte, ma è il momento anche di giraffe, bufali, kudu e altre antilopi.

Elefanti_Parco_Chobe_2

Ph by Aramis

Bufali_Parco_Chobe

Ph by Aramis

Giraffe_Parco_Chobe

Ph by Aramis

Antilopi_Parco_Chobe

Ph by Aramis

Insieme agli altri partecipanti, cerchiamo in tutti i modi di avvistare anche dei leoni, ma il caldo è troppo e sicuramente stanno riposando nel bush.

A un certo punto, però, mentre la nostra guida si sta dirigendo verso le giraffe, la voce di Aramis emerge tra le altre e urla: <<Stop! Stop! A leopard! I’m not kidding!>> (Fermi! Fermi! Un leopardo! Non sto scherzando! n.d.r.)

L’autista ingrana la retromarcia e come un pazzo scatenato si avvicina al punto indicato da Aramis…e il leopardo è là, che cammina fra i cespugli e si gode la scena!

Leopardo_Parco_Chobe

Ph by Aramis

È stato l’unico animale carnivoro che abbiamo avvistato e sicuramente non ha fatto rimpiangere l’assenza dei leoni (che poi abbiamo incontrato il giorno dopo).

Dopo poco anche questo safari è terminato, non prima però di essere scesi dal land rover e aver fatto merenda tutti insieme.

Parco_Chobe

Porto questa esperienza dentro, sempre più consapevole che il mio cuore è in Africa, tra quella natura e quegli animali. <3

…a presto!

(se vuoi, guarda un breve video su Facebook 🙂 )

La valigia di Cassandra

About La valigia di Cassandra

Scrivo e custodisco diari segreti da quando frequentavo le scuole elementari. Confidarmi, raccontare, ripercorrere i momenti più significativi della mia vita attraverso le parole, è donare le ali alla mia anima. La valigia di Cassandra è la mia naturale evoluzione 2.0, anche se ancora oggi annoto i miei pensieri su un foglio di carta...

4 commenti

  1. Viaggio meraviglioso. Al Chobe sono stata una decina di anni fa… ma non sono stata così fortunata per il leopardo!

  2. Pingback:I #Postiche – La valigia di Cassandra

  3. Pingback:Crociera sullo Zambesi – La valigia di Cassandra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *