Lago di Bolsena e dintorni…sono appena tornata!

Un’altra bella esperienza in giro per la nostra Italia è appena terminata e io sono carica di cose da raccontare!

A volte, quando sono in viaggio, o sulla strada del ritorno, fatico a ricordare il giorno di arrivo, perché mi sembra sempre così lontano, tante sono le cose fatte!

Questi tre giorni sul lago di Bolsena sono stati davvero intensi, ma vissuti in pieno contatto con il paesaggio e con il verde che caratterizza la Tuscia viterbese e la Maremma toscana: chilometri e chilometri di strada completamente circondata da prati, alberi e fiori…che relax, ragazzi! *_*

Ma vi racconto subito il mio itinerario, così magari vi viene voglia di organizzare un bel weekend! 😉

PRIMO GIORNO

Nonostante la pioggia scrosciante avesse ritardato di molto la nostra partenza, siamo partiti diretti verso la nostra prima destinazione: Bomarzo e il Sacro Bosco.

Quando siamo arrivati, solita fortuna del viaggiatore imperterrito, è uscito il sole e noi abbiamo potuto trascorrere un’ora abbondante in questo rigoglioso giardino, popolato da statue di pietra e mostri di ogni dimensione! 😉

Sacro Bosco di Bomarzo

Ph by Aramis

Sacro Bosco di Bomarzo 2

Ph by Aramis

All’uscita, avendo comunque accumulato del ritardo sulla tabella di marcia, abbiamo cambiato un po’ l’itinerario (che avrebbe previsto una tappa al centro di Viterbo) e ci siamo dedicati alla visita del borgo di Bomarzo, che sovrasta il giardino, perdendoci tra i suoi vicoletti: ottima scelta e a Viterbo e i suoi dintorni sarà dedicato un intero viaggio!

Bomarzo_borgo

Ph by Aramis

SECONDO GIORNO

Abbiamo pernottato in un agriturismo con vista sul lago (Agriturismo Renaccio), a San Lorenzo Nuovo, e al nostro primo risveglio, ad aspettarci c’era una ricca e deliziosa colazione preparata dalla signora Monica, proprietaria del casale e gentilissima padrona di casa.

agriturismo Renaccio

Ph by Aramis

Si può dire che la giornata sia partita alla grande e proprio su consiglio dei proprietari ci siamo incamminati verso la Civita di Bagnoregio, ovvero “la città che muore”: è un borgo in solitaria, che domina la valle circostante ed è raggiungibile soltanto a piedi, percorrendo una stradina in salita.

Civita_Bagnoregio

Ph by Aramis

Civita_Bagnoregio_2

Ph by Aramis

Il giro è breve e qui un po’ di pioggia non è mancata, ma ci siamo subito avviati alla zona del lago, per compiere il famoso anello: Montefiascone, Marta, Capodimonte, Valentano, Gradoli, Castro.

Sono tutti paesini che godono della vista sul lago, con le loro piccole piazze e i porticcioli dei pescatori.

Montefiascone

Ph by Aramis

Marta

Ph by Aramis

Marta_2

Ph by Aramis

Bolsena, il cuore del lago, l’abbiamo conservata per la sera, quando ci siamo regalati una romantica passeggiata al chiaro di luna, illuminata soltanto dalle lucine del castello.

Bolsena_2

Ph by Aramis

Bolsena_3

Ph by Aramis

TERZO GIORNO

Il sole è ritornato, finalmente, e dopo aver goduto del panorama dal nostro agriturismo, è giunto il momento di salutare tutti e vivere il nostro ultimo giorno di avventura.

Agriturismo Renaccio 2

Ph by Me

Agriturismo Renaccio 3

Ph by Me

Grazie al meteo clemente – e alle mie ottime previsioni, lo devo dire! 😉 – abbiamo potuto dedicare la giornata al relax più totale…e allora di corsa a Saturnia, per un bagno rigenerante alle Cascate del Gorello!

Terme di Saturnia

Questa tappa ve la racconto con calma…ma sappiate che è una meta imperdibile, perché è un vero tesoro naturale…

Il nostro weekend termina con l’odore di zolfo sulla pelle e il profumo dei prati nell’aria…un’altra esperienza centrata, ma forse semplicemente perché i nostri occhi accolgono sempre felici ogni posto nuovo. <3

La valigia di Cassandra

About La valigia di Cassandra

Scrivo e custodisco diari segreti da quando frequentavo le scuole elementari. Confidarmi, raccontare, ripercorrere i momenti più significativi della mia vita attraverso le parole, è donare le ali alla mia anima. La valigia di Cassandra è la mia naturale evoluzione 2.0, anche se ancora oggi annoto i miei pensieri su un foglio di carta...

21 commenti

  1. La Civita di Bagnoregio mi ispira tantissimo, a giungo sarò a Grosseto che non è lontanissimo da lì quasi quasi ci faccio un giro.
    Bellissimo weekend.

    Sara
    #viaggiareapois

  2. Prenderò sicuramente spunto dal tuo itinerario per uno dei prossimi weekend! E’ una vita che voglio andare da quelle parti ma, nonostante siano tutti posti non lontanissimi da dove abito, alla fine rimando sempre!

  3. Avrei voluto fare una gita simile a gennaio, ma come puoi immaginare il tempo non era particolarmente incoraggiante. Sono stata diverse volte nei dintorni del lago di Bolsena, a Marta e Montefiascone, ma Bomarzo e Civita non li ho ancora visitati. Mi piacerebbe replicare questo itinerario!

  4. Bellissimo itinerario! Segno nella (sempre più lunga) lista dei posti in cui vorrei andare! 🙂

  5. Bell’itinerario per un week-end, da tenere in considerazione. Civita di Bagnoregio è già diverse volte che dico che mi interessa e giuro che un giorno o l’altro, non appena sarò in zona, la visito.
    E comunque il bagno rilassante alla fine ci stava davvero a meraviglia; hai fatto benone! 😉

  6. Desidero da molto tempo vedere il Bosco Sacro ma non riesco mai a “concludere”, pur avendo visitato anche io la vicinissima Viterbo.
    Che carina la colazione apparecchiata con i centrini!
    Saturnia è stata la giusta conclusione vero? 😉
    Mi devi dire assolutamente la fonte delle tue previsioni:D 😀
    Daniela

  7. Che bella la Tuscia e tutti i luoghi che circondano il lago! Sono stata a Viterbo quasi due anni fa e sono stata alle terme di notte. Poi abbiamo fatto un salto ad Orvieto e, ritornando, siamo passi per Marta. Civita e Bomarzo mi mancano; torneremo, perché ci è piaciuto molto!

  8. Pingback:Le terme di Saturnia: un'oasi di relax – La valigia di Cassandra

  9. Pingback:Sacro Bosco di Bomarzo: natura e magia – La valigia di Cassandra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *