Messico on the road: il mio itinerario

Ta-daaaa!!! A dieci giorni dal mio rientro dalle vacanze, sono pronta per presentarvi il primo post sul mio viaggio in Messico.

Avrò tante cose da raccontarvi, così cercherò di essere sempre molto specifica, analizzando ogni volta un argomento preciso, in modo da non annoiarvi.

Da cosa partiamo? Naturalmente dall’itinerario! 🙂

Vi descriverò i miei quindici giorni di Messico on the road, effettuati rigorosamente in auto, attraverso i paesaggi più variegati del Paese.

(Attenzione! Post ad alto contenuto di chiacchiere e di foto…ma se state pianificando un viaggio in auto in Messico on the road, vi potrà essere senza dubbio d’aiuto!)

Dopo mille peripezie (volo in ritardo + smarrimento dei bagagli, che pure vi racconterò presto), il nostro viaggio inizia atterrando a Cancun, direzione Playa del Carmen.

Solitamente, è consigliabile lasciarsi qualche giorno di mare alla fine dei 3000 km, ma trovandomi alla fine dell’anno, ho preferito trascorrere il giorno di Capodanno in spiaggia, piuttosto che smarrita nella giungla messicana (yes, fatto!); in questo modo, ho spezzato la settimana di relax che avevo calcolato, facendo tre notti all’arrivo e tre notti in partenza…

…ma vediamo nel dettaglio il mio itinerario per un viaggio in Messico on the road:

Primo giorno

Arrivo a Cancun. Ritiro dell’auto a noleggio; direzione Playa del Carmen.

Purtroppo noi abbiamo perso un po’ di tempo all’arrivo, causa smarrimento dei bagagli, così siamo arrivati nel nostro hotel soltanto in serata inoltrata. Stanchi morti dalle quindici ore di viaggio e dal fuso orario (la regione di Quintana Roo segna -6 rispetto all’Italia), non ci siamo fatti assolutamente impressionare e, dopo una doccia veloce ma rigenerante, eravamo già in strada.

Impossibile non godere subito dell’essenza caraibica!

Playa del Carmen

Secondo giorno

31 dicembre 2016, assoluto relax! 🙂

Abbiamo trascorso la giornata alla scoperta di questa località sicuramente molto turistica, ma davvero affascinante e colorata. Ci siamo fatti trasportare dalle melodie allegre e dai ritmi caraibici, quando tutto scorre lento, ma felice.

Playa del Carmen 3

Ph by Aramis

Spiaggia al mattino, passeggiata sulla Quinta Avenida al pomeriggio: non ci sembrava vero poter camminare in canotta e in infradito!

Playa del Carmen 2

Playa del Carmen 4

Ph by Aramis

E poi c’è da dire che il clima in Messico in questo periodo è davvero fantastico! Caldo ma non afoso, che ti consente di passeggiare amabilmente in qualsiasi ora della giornata…

…e la sera, happy new year! ♥

Playa del Carmen 5

Terzo giorno

Facendo sosta ancora a Playa del Carmen, in questa giornata iniziano le escursioni.

Prima tappa, il sito maya di Tulum: un’area sconfinata, dove l’archeologia si tuffa nel Mar dei Caraibi.

Tulum

Ph by Aramis

A seguire, visita e bagno al sistema dei cenotes Dos Ojos. Cosa sono i cenotes? Sono formazioni tipiche del Messico, che appaiono come delle grotte con presenza di acqua dolce, ma con una profondità tale da poter creare collegamenti lunghi chilometri e chilometri.

Cenote Dos Ojos

Ph by Aramis

Cenote Dos Ojos 2

Ph by Aramis

La Riviera Maya ne conta tantissimi e c’è solo l’imbarazzo della scelta. Noi abbiamo fatto soltanto il bagno ma chi è appassionato, può fare delle vere e proprie immersioni guidate, alla scoperta del complesso sistema delle gallerie.

Quarto giorno

Da adesso, parte la vera e propria scoperta del Messico on the road.

Da Playa del Carmen, ci spostiamo verso Mérida, nella regione dello Yucatan, passando per Chichen Itza.

In tantissimi vi diranno che Chichen Itza è molto (ma molto) turistica, e in parte è vero, ma non a caso è stata annoverata fra le nuove sette meraviglie del mondo.

È un sito maya di notevole imponenza e poterlo visitare è davvero una forte emozione. Calcolate che per poter girare all’interno, occorrono almeno due ore, con o senza guida, ma provenendo da Playa del Carmen, recupererete un’ora, poiché attraversando le regioni, scatta l’ora solare! 😉

Chichen Itza

Ph by Aramis

Mérida, invece, è una piccola cittadina che al primo impatto ti lascia un attimo senza parole, perché completamente diversa dai luoghi turistici della Riviera Maya. Tantissimi negozi che sembrano all’ingrosso, strade piccoline animate da persone che lavorano e case un po’ vecchiotte. Ma è quando scendi la sera in piazza, che si rivela la sua anima: un luogo in festa, e coloratissimo, dove le persone si raccolgono per ascoltare musica…che spettacolo!

Merida

Ph by Aramis

Noi ci siamo goduti questa visione dal balconcino di un ristorante, dove era posizionato il nostro tavolo: quanta gioia!

Quinto giorno

Terzo sito maya: Uxmal.

Quasi sconosciuto dai turisti, abbiamo incontrato davvero pochissime persone, godendoci così una splendida giornata tra il verde e le rovine.

Uxmal

Ph by Aramis

Forse è un po’ più piccolo, ma qui – al contrario di Chichen Itza – è possibile salire sulle piramidi e visitarle all’interno; per questo motivo, per ciascun sito, non è possibile calcolare meno di due ore da dedicargli.

All’uscita, ci siamo diretti verso Campeche, capitale dell’omonima regione, dove poi abbiamo pernottato.

Qui, camminando in auto, abbiamo ricevuto una magnifica sorpresa: d’un tratto, l’oceano!

Campeche

Ph by Aramis????????????

Non ci aspettavamo questo paesaggio così selvaggio, ma allo steso tempo ameno, pensando che la città fosse all’interno.

Abbiamo passeggiato sul lungomare e poi nel centro storico, che presenta una caratteristica comune agli paesi: una piazza con una sorta di villa comunale al centro, e alle spalle la cattedrale.

Campeche 2

Ph by Aramis

Campeche 3

Ph by Aramis

Ma Campeche ha anche dei vialetti molto carini e colorati, con ristoranti davvero ottimi…ma questo ve lo racconto la prossima volta! 😉

Sesto giorno

Questo doveva essere un giorno di transizione, un semplice spostamento da Campeche a Villahermosa.

Guardando su Google Maps, abbiamo visto che il navigatore consigliava l’autostrada, ma volendo, c’era un percorso alternativo, lungo uguale, ma che impiegava più tempo, perché attraversava le città: bene, abbiamo fatto quest’ultimo! 😛

Così facendo, abbiamo visitato anche Ciudad del Carmen e passato sopra dei ponti che univano delle piccole isolette: molto, molto carino!

Ciudad del Carmen

Ciudad del Carmen 2

Ph by Aramis

Settimo giorno

Il racconto di questa giornata, va dritto ne #LeViaggioSventure, di cui scriverò presto. Vi dico soltanto che potete utilizzarla al massimo come spostamento verso il Chiapas e più precisamente per San Cristobal de las Casas, dove poi potete pernottare per due notti…il resto, è storia (più Messico on the road di questo!!!)

Ottavo giorno

Dopo aver passeggiato per le strade animatissime di San Cristobal la sera precedente, abbiamo riservato questa giornata alla visita del Canyon del Sumidero, il cui punto di partenza è a Chapa de Corzo. Da qui, ci si imbarca a bordo di una lancia molto veloce e il tour dura circa due ore: veramente magnifico!

C’è una flora e una fauna spettacolare e abbiamo potuto avvistare anche scimmie e coccodrilli!

Canyon del Sumidero

Ph by Aramis

Canyon del Sumidero 2

Ph by Aramis

Canyon del Sumidero 3

Ph by Aramis

In realtà, prima di arrivare a Chapa de Corzo, abbiamo fatto un percorso a Tuxla Gutierrez, ammirando il canyon dall’alto, percorrendo in auto i circa 20 km del Parco Nazionale del Sumidero. Ne è valsa davvero la pena e il mio consiglio è di fare esattamente come noi: prima il parco, poi il canyon, per poterlo vivere da ogni angolazione.

Canyon del Sumidero 4

Nono giorno

Durante questa giornata di viaggio abbiamo incontrato molta pioggia e questo inconveniente ci ha fatto ritardare abbastanza sull’itinerario di marcia, facendoci slittare un appuntamento al giorno successivo.

Siamo comunque riusciti a rispettare una delle visite in programma, ovvero le cascate di Agua Azul.

Agua Azul

Ph by Aramis

Agua Azul 2

Agua Azul 3

Ph by Aramis

Che dire? Belle, davvero, un grande spettacolo della natura, ma non così eccezionale come molti raccontano. In ogni caso, assolutamente da mettere in calendario!

(La cascata di Misol-ha, invece, è completamente saltata a causa del maltempo…dicono sia anch’essa molto carina, ma più piccola rispetto ad Agua Azul.)

Decimo giorno

Ultimo sito maya del mio Messico on the road: Palenque, un luogo di notevole bellezza, completamente immerso nella giungla e il più suggestivo che io abbia visto.

Palenque

Ph by Aramis

Palenque 2

Ph by Aramis

Già solo il fatto che la guida ci avesse raccontato che ci sono altri 1500 templi nascosti ancora nella giungla, mi ha fatto rabbrividire!

Palenque 3

Ph by Aramis

E in realtà, poi, è anche possibile visitare la giungla….magari senza perdervi, come abbiamo fatto noi! -_- (altro argomento per #LeViaggioSventure messicane!)

Da qui ci siamo diretti a Xpujil, dove avremmo dovuto visitare le rovine di Chicannà e Becan ma, a causa del ritardo del giorno precedente, si sono accumulate delle escursioni e questo passaggio del programma, purtroppo, non siamo riusciti a rispettarlo.

Undicesimo giorno

Dal mondo antico e archeologico, ci siamo letteralmente tuffati nell’atmosfera caraibica e piratesca della laguna di Bacalar, ritornando nella regione di Quintana Roo.

Laguna di Bacalar

Ph by Aramis

Questo posto è di una bellezza e di una particolarità unica: un’immensa laguna di acqua dolce e cristallina, creatasi anche grazie alla presenza di alcuni cenotes che arrivano alla profondità di 90 metri, con sabbia bianca e finissima.

Laguna di Bacalar 2

Ph by Aramis

Laguna di Bacalar 3

Ph by Aramis

Anche qui abbiamo fatto un’escursione di due ore a bordo di una lancia, (mmm…quasi una zattera!), ma con ritmi molto più rilassanti e potendoci anche fare il bagno e prendere il sole.

Dodicesimo e tredicesimo giorno

Due giorni di pieno relax a Cancun: mare, shopping e passeggiate sul lungomare. Dopo 3000 km, ci stanno davvero bene.

Cancun

In realtà si sarebbero potute fare tante altre attività, come l’escursione a Isla Mujeres, o un bagno con i delfini (in piscina, però!), ma noi abbiamo preferito immergerci nel mar dei Caraibi, bere agua de coco, e camminare per le strade del centro di Cancun.

Cancun 2

Ph by Aramis

Cancun 3

Ph by Aramis

Cancun 4

Il quattordicesimo giorno, poi, è stato quello della partenza, al mattino molto presto: abbiamo impiegato più di 24 ore per tornare a casa e al rientro eravamo davvero stremati…ma felici come non si può spiegare! ♥♥♥

◊◊◊◊◊

Se siete riusciti a leggere tutte le mie chiacchiere su questo mio Messico on the road, avrete capito che è stato un viaggio davvero intenso e variegato, con un’emozione nuova ogni giorno.

E presto vi racconterò ancora altre esperienze, per invogliarvi a compiere un viaggio in una destinazione che toccano in parecchi, spesso però soffermandosi alle spiagge della Riviera Maya.

In Messico, invece, bisogna camminare!

Hola, baby! :*

La valigia di Cassandra

About La valigia di Cassandra

Scrivo e custodisco diari segreti da quando frequentavo le scuole elementari. Confidarmi, raccontare, ripercorrere i momenti più significativi della mia vita attraverso le parole, è donare le ali alla mia anima. La valigia di Cassandra è la mia naturale evoluzione 2.0, anche se ancora oggi annoto i miei pensieri su un foglio di carta...

20 commenti

  1. Ma che bel post! Lo faccio leggere al moo ragazzo che sogna il Messico! 😊

  2. Ciao! Finalmente inizi a parlarci del Messico, ero curiosa di leggere le tue impressioni 🙂 E’ una delle mete che vorrei tanto visitare perché unisce al mare paradisiaco la possibilità di fare molte escursioni! Ti ricordi che tempo fa ti scrissi della paura di volare di Enrico? Nel frattempo abbiamo prenotato il viaggio di nozze e di aerei dovrà prenderne un po’, speriamo che la “terapia d’urto” funzioni in modo da iniziare a uscire dall’Europa insieme 🙂 Nel frattempo, mi godo le immagini e i tuoi racconti! Serena

  3. Forse te lo avevo già scritto in qualche commento che dopo il mio unico viaggio in Messico non sono stata colpita per niente da questo paese per tutta una serie di motivi. Ora però mi mi hai fatto cambiare idea 😉 Ci sono davvero dei posti bellissimi che merita di vedere oltre al poco che ho visto io, quindi direi che sono pronta a dare una seconda chance al Messico! Quindi non vedo l’ora di leggere anche gli altri racconti 🙂

  4. Noo pure il bagaglio ti hanno smarrito! O_O
    Per fortuna che i colori di questa vacanza ti hanno messo allegria! Sono un toccasana per fuggire dal freddo inverno! A proposito sei scappata appena in tempo, non sai che freddo che ha fatto qui dai primi di gennaio in poi! 😀 😀
    Bello l’itinerario, self made ovviamente? 😉
    A parte le rovine il bagno nei cenote dev’essere spettacolare!
    Comunque niente di grave nelle viaggiosventure no?
    Ai prossimi post!

    • Non sai quanto era malefico inviare su Whatsapp le foto in costume e ricevere quelle con la neve…muahahah 😀
      Nono, niente di grave per le viaggiosventure, ma due o tre episodi ci sono eccome! 😉
      Bacio!

      • Ciao!sarò un messico ad agosto…lo so non é il periodo giusto ma questo passa il convento. …anche noi viaggeremo o in auto o con gli ado nelle tratte più lunghe di notte…cosa mi dici sulla sicurezza?potrebbero esserci problemi di blocchi dove magari ti chiedono soldi o tentativi di rapina ai danni dei turisti! ?ho sentito versioni contrastanti e mi sono spaventata un po. ..grazie in anticipo per la risposta!

        • Complimenti…farai un viaggio magnifico! *_*
          Beh, le strada dello Yucatan, del Quintana Roo e di alcune regioni vicine sono ben tenute e molto sicure: noi abbiamo ricevuto un solo controllo, ma alla luce del sole e in assoluta tranquillità.
          Il Chiapas, invece, è molto difficile come zona: le strade sono per lo più male asfaltate, ricche di curve e di malintenzionati. Ci hanno fermato con una corda chiodata e ci hanno chiesto dei soldi per continuare. Non sono per niente aggressivi, ma scocciano parecchio. Quella zona ti consiglio di farla in autobus, se proprio ci devi arrivare (fermeranno anche quelli, ma almeno sono della zona!)
          Fammi sapere se hai bisogno di altre info! Un bacio! :*

          • La zona che faremo in autobus é proprio il chiapas ma ho intenzione di fare anche le escursioni con loro. ..hotel o agenzia che sia. Anche perché siamo io mio marito e le mie figlie di 19 e 22 anni e sinceramente vorrei stare tranquilla! Invece quintana e Yucatan l9 facciamo in auto….non vedo l’ora. …sono anni che sogno il Messico! Geazie per le informazioni. ..

          • Vi divertirete tantissimo…buon viaggio! ^_^

  5. Pingback:Le rovine Maya in Messico – La valigia di Cassandra

  6. Pingback:Nuova rubrica: arriva "Ho provato per voi" – La valigia di Cassandra

  7. Pingback:Tukan Hotel and Beach Club Playa del Carmen – La valigia di Cassandra

  8. Pingback:Bagagli smarriti: anche questo! – La valigia di Cassandra

  9. Pingback:Scherzetto messicano – La valigia di Cassandra

  10. Pingback:Ibis Schipol Amsterdam Airport – La valigia di Cassandra

  11. Pingback:Una brutta esperienza di volo – La valigia di Cassandra

  12. Pingback:Beachscape Kin Ha Villas Cancun – La valigia di Cassandra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *