Il museo di Capodimonte a Napoli

Sono trascorsi diversi mesi da quando vi ho raccontato della mia estate in città, alla scoperta dei luoghi nascosti e di quelli più conosciuti…che però io non avevo mai esplorato, con abbastanza vergogna, aggiungerei pure!

E uno di questi, è senza dubbio il Museo Archeologico di Napoli, meglio conosciuto come il museo di Capodimonte.

Di sicuro, è una meta che non ha stagioni, per cui potete inserirla nei vostri programmi in qualsiasi momento, magari approfittando delle domeniche gratis ai musei, come ho fatto io.

Museo di Capodimonte

Il museo di Capodimonte si trova nella zona di Piazza Dante dove, oltre al museo stesso, ci sono alcuni must imperdibili: le pizzerie che sfornano le pizze “a portafoglio” e la zona di Port’alba,  ricca di librerie storiche.

Ma detto questo, è ora di entrare nel museo! 😉

Io consiglio quanto meno di prendere delle audio-guide, al prezzo davvero onesto di cinque euro. A meno che non siate degli espertissimi di storia dell’arte, è indispensabile che ci sia qualcuno o qualcosa che vi illustri le opere all’interno.

Il museo di Capodimonte, infatti, è soprattutto ricco di collezioni private, riportate alla luce in seguito ai vari scavi archeologici, avvenuti per lo più dopo l’eruzione del Vesuvio.

Museo di Capodimonte 2

Ph by Aramis

Museo di Capodimonte 3

Ph by Aramis

Aramis, che in passato ha svolto il mestiere di guida turistica, conosceva tantissime delle opere presenti all’interno ed era emozionato come un bambino davanti a Babbo Natale! 🙂

Museo di Capodimonte 4

Io, personalmente, mi sono fatta impressionare molto dal salone dedicato alle opere pompeiane, vivendolo come “abitante” della città di Pompei. Mi è piaciuto ammirare in originale le opere che avevo visto riprodotte all’interno degli scavi archeologici.

Museo di Capodimonte 5

Ph by Aramis

Inoltre, associare il lato artistico, a quello quotidiano della vecchia Pompei, ha significato completare il quadro storico della mia città, che rappresenta uno dei siti archeologici più importanti al mondo.

Museo di Capodimonte 6

Ph by Aramis

Il tempo da dedicare al museo di Capodimonte è di almeno un paio di ore, soffermandosi ad ascoltare le spiegazioni delle opere più importanti; tuttavia, essendo ben organizzato con punti di ristoro, potreste prendervela anche con più calma e trascorrere una mezza giornata tra arte e cultura.

Ma vi ricordate quello che vi ho detto prima? Già solo la pizza a portafoglio vale l’escursione a Napoli e quindi non potete assolutamente perderla! 😉

La valigia di Cassandra

About La valigia di Cassandra

Scrivo e custodisco diari segreti da quando frequentavo le scuole elementari. Confidarmi, raccontare, ripercorrere i momenti più significativi della mia vita attraverso le parole, è donare le ali alla mia anima. La valigia di Cassandra è la mia naturale evoluzione 2.0, anche se ancora oggi annoto i miei pensieri su un foglio di carta...

4 commenti

  1. Visitai il Museo di Capodimonte tanti anni fa in occasione di una mostra monografica sul Caravaggio. Ti confesso senza vergogna che non vedevo l’ora di uscire da quella cupezza mammamia! Probabilmente ero troppo giovane per apprezzare pienamente un artista come Caravaggio così i ricordi migliori sono dei giardini esterni! Motivo per ritornare e per ricredermi…sono una che crede fermamente nelle seconde possibilità! 😉 Magari approfitterò dei tuoi consigli circa audioguida e soprattutto pizza a portafoglio! 😛
    Buona domenica! :*

    • Guarda, in realtà quando entri e fai la visita, è bello davvero; e poi con l’audioguida comprendi tutto meglio.
      Non chiedermi però se ci tornerei, perché probabilmente la risposta sarebbe no. 😉
      Ma in generale, tranne quello di Atene, non amo molto i musei…
      Bacio anche a te! :*

  2. Ciao! Anche io negli ultimi anni mi sono improvvisata turista nella mia città, scoprendo luoghi che (colpevolmente) non avevo mai visitato prima! 🙂 I musei mi piacciono e quello di Capodimonte in effetti mi ispira parecchio! 🙂 Bacioni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *