Sposarsi all’estero si può

L’ho detto un sacco di volte: il mio Blog è il mio diario personale, dove racconto a chi ha il piacere di leggere, i miei viaggi e la mia vita.

Sì, perché oltre a essere una raccolta di itinerari e di foto delle mie avventure in giro per il modo, spesso utilizzo queste pagine anche per raccontare di me, di quello che mi piace fare durante il giorno, di quello che mi emoziona e di quello che, purtroppo, a volte mi fa stare male.

Ma vi ho mai raccontato seriamente cosa faccio nella vita, oltre a preparare la mia valigia per il prossimo viaggio?

Preparo le valigie per gli altri! 🙂

Da sempre, mando a quel paese gli altri…

…ma no, cosa avete capito??? Nel senso che loro decidono dove andare e io gli organizzo il viaggio proprio per quella destinazione.

Insieme ad Aramis, infatti, sono proprietaria di un’agenzia di viaggi da tantissimi anni e la mia carriera lavorativa è iniziata proprio dietro il banco di un’agenzia, lungo le strade di Napoli.

Da lì, poi, ad aprirmi un’attività mia, il salto è stato breve…passando giusto per un’altra esperienza in un’azienda famosissima e gigante, sempre del settore turistico.

Ma sapete che quando abbiamo aperto l’agenzia, io e Aramis ci eravamo conosciuti da pochissimo? Che scommessa!

Il passo per il matrimonio non è stato così veloce, ma ci è sempre piaciuto tanto lavorare insieme. *_*

Con il tempo, poi, la nostra attività si è un po’ ingrandita e abbiamo iniziato a dedicarci all’organizzazione degli eventi, alla comunicazione e ad aiutare gli altri a sposarsi all’estero! ^_^

Che figata, eh?! 😛

Sposarsi all’estero, infatti, si può e in tantissimi paesi, per noi italiani, il matrimonio sulla spiaggia ha valore legale; cosicché, una volta rientrati a casa, si è sposati a tutti gli effetti.

Di per sé, anche la procedura non è molto complicata, ma minuziosa. Bisogna essere attenti e anticiparsi di parecchio, perché ogni Paese ha la sua burocrazia.

Ma vi immaginate di dire “Sì, lo vogliostile Beautiful, con i piedi nudi su una spiaggia bianchissima?

Per noi del sud Italia non è tanto concepibile abbandonare le centinaia di parenti che non aspettano altro che il tuo matrimonio per scatenarsi al buffet…ma sempre più persone scelgono di sposarsi all’estero perché poi, alla fine, conviene!!!

Molte meno spese, molti meno pensieri, viaggio di nozze incorporato e intimità all’ennesima potenza; perché lì, davanti a chi vi dichiarerà marito e moglie, ci siete soltanto voi!

Che romantico…

Vabbè, dopo avervi raccontato un po’ di cose e fatto un po’ di auto-propaganda, vi saluto e vi lascio qualche foto dei miei ultimi sposini

Cri e Sal

Maldive

Enr e Ang

St. Lucia

Nic e Mar

Polinesia

Che l’amore sia con voi, in qualunque modo decidiate di manifestarlo! ♥

La valigia di Cassandra

About La valigia di Cassandra

Scrivo e custodisco diari segreti da quando frequentavo le scuole elementari. Confidarmi, raccontare, ripercorrere i momenti più significativi della mia vita attraverso le parole, è donare le ali alla mia anima. La valigia di Cassandra è la mia naturale evoluzione 2.0, anche se ancora oggi annoto i miei pensieri su un foglio di carta...

11 commenti

  1. Avevo capito che il tuo lavoro era nel settore dei viaggi, tipo per un tour operator, ma non sapevo che avessi un’agenzia tua con Aramis, che bello!
    Noi non abbiamo mai pensato di sposarci, ma se dovessimo farlo ci piacerebbe farlo a Las Vegas in una wedding chapel, con tanto di Elvis… Anche se la mia idea è una super tamarrata potrò rivolgermi a te?

  2. Ti prego, dimmi che nel pacchetto non è inclusa anche Stephanie Forrester (DioQuantoLaOdiavo)! 😀
    Fai un lavoro meraviglioso e anche se materialmente non prepari la valigia, organizzare viaggi/matrimoni per gli altri è un po’ come partire con loro 😉 D’altronde non è la fase dell’organizzazione quella che ci scatena le farfalle nella pancia? 😉
    Non sono tipo da fare gli “errori” due volte nella vita ma guarda, io mi risposerei solo per il gusto di lasciare a casa i parenti hahahh! Però si può sempre organizzare per un anniversario importante no? 😉
    Celebrare sulla spiaggia dev’essere fantastico! *_*

  3. Ma che bello, non sapevo che tu e Aramis aveste un’agenzia di viaggi! Organizzare i viaggi altrui è un po’ come essere una “fatina dei viaggi” che esaudisce i desideri di tutti! Io dopo la laurea in Turismo culturale mandai decine di curricula nella mia città, ma nessuna agenzia mi chiamò, così trovai lavoro in un altro settore (purtroppo)…ma ho sempre visto quello dell’agente di viaggi come un lavoro fantastico! P.S. Tra l’altro tra due mesi mi sposo e visti tutti gli adempimenti burocratici e le spese…In effetti sposarsi all’estero non sarebbe stata una cattiva idea! XD

  4. Beh, fantastico! Se non fossi già sposata e se non avessi già rinnovato i voti, ti chiamerei 😀 Però posso sempre ri-rinnovarli! Magari tra qualche anno 🙂

  5. Pingback:L'alfabeto del viaggio – La valigia di Cassandra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *